Diritto di voto per gli stranieri

Per quanto attiene al diritto di voto e di elezione, gli stranieri hanno possibilità ridotte di partecipare attivamente alla società. Il federalismo su cui poggia la Svizzera genera tuttavia differenze considerevoli a livello regionale. Nel rispetto della legislazione di livello superiore, i Cantoni e i Comuni possono emanare regolamentazioni proprie per il diritto di voto degli stranieri. In altre parole, la possibilità di partecipazione politica dipende in larga misura dal luogo di domicilio. Qui di seguito è illustrata la situazione del diritto di voto per gli stranieri nei Cantoni svizzeri.
 

Diritto di voto e diritto elettorale attivo a livello cantonale

Solo due Cantoni della Svizzera romanda concedono agli stranieri il diritto di voto e il diritto elettorale attivo a livello cantonale, non tuttavia il diritto elettorale passivo.

  • Canton Giura. Dal 1979. Hanno diritto di voto e di elettorato attivo gli stranieri che dimorano da dieci anni in Svizzera, di cui almeno uno nel Cantone. (Eccezione: emendamenti alla Costituzione)
    Legge sui diritti politici (dati relativi al diritto di voto cantonale e comunale)
  • Canton Neuchâtel. Dal 2001. Hanno diritto di voto e di elettorato attivo gli stranieri titolari del permesso di domicilio che dimorano nel Cantone da almeno cinque anni.
    Legge sui diritti politici (dati relativi al diritto di voto cantonale e comunale)


Diritto elettorale attivo e passivo in tutti i Comuni

Quattro Cantoni concedono agli stranieri il diritto di voto e il diritto elettorale attivo e passivo a livello comunale. Le condizioni variano da un Cantone all'altro, ma nella maggior parte dei casi occorre una certa durata della dimora e/o il permesso di domicilio.

Il Canton Giura presenta una particolarità: il diritto di elettorato passivo era limitato al Parlamento. Il 28 settembre 2014, in occasione di una votazione nel Canton Giura, gli elettori hanno deciso con 54% di sì i il diritto elettorale passivo esteso all’esecutivo, eccezione fatta per la carica di sindaco. Già nel 2007, la stessa votazione aveva fallito di poco (51% no).

  • Canton Neuchâtel. Dal 1849. Condizione: 1 anno di dimora nel Cantone.
  • Canton Giura. Dal 1979. Condizione: 10 anni in Svizzera di cui 1 anno nel Cantone.

Diritto di voto e diritto elettorale attivo nei Comuni

  • Canton Ginevra. Dal 2005. A livello comunale, il Canton Ginevra concede agli stranieri il diritto di voto e il diritto elettorale attivo, non quello di elettorato passivo.
    Costituzione del Canton Ginevra


Diritto di voto facoltativo nei Comuni

Tre Cantoni della Svizzera tedesca autorizzano i loro Comuni a concedere il diritto di voto agli stranieri.


Votazioni sull'introduzione del diritto di voto per gli stranieri 2000-2015
 

Basilea città
2010 Rifiutati l'iniziativa e il controprogetto sull'introduzione del diritto di voto e di elezione a livello cantonale.
  2005 Approvata la nuova Costituzione e quindi anche il diritto di voto facoltativo e il diritto di elezione facoltativo nei Comuni di Riehen e Bettingen.
Berna 2010 Rifiutati l'iniziativa sull'introduzione del diritto di voto a livello comunale e il contro-progetto.
Friborgo 2006 Approvato il diritto di voto e di elezione a livello comunale.
Ginevra 2005 Approvata l'iniziativa sull'introduzione del diritto di voto e del diritto elettorale attivo a livello comunale. Respinta l'iniziativa che prevedeva anche il diritto elettorale passivo.
  2001 Rifiutato il diritto di voto e di elezione a livello comunale.
Glarona 2010 Rifiutato il diritto di voto e di elezione a livello cantonale.
Grigioni 2003 Approvata la nuova Costituzione e quindi anche il diritto di voto facoltativo a livello comunale.
Giura 2014
Approvato il diritto elettorale passivo esteso all’esecutivo (eccezione fatta per la carica di sindaco). Approvata con il 54% dei voti la modifica della legge sui diritti politici.
  2007 Rifiutato il diritto elettorale passivo a livello comunale.
Lucerna 2011 Rifiutata con l'84% dei voti l’iniziativa sul diritto di voto per stranieri a livello comunale.
Neuchâtel 2007 Rifiutato il diritto elettorale passivo a livello cantonale. Approvato il diritto elettorale passivo a livello comunale.
Sciaffusa 2014 Rifiutata con l'85% dei voti l’iniziativa popolare per l’introduzione del diritto di voto per stranieri a livello cantonale e comunale.
Soletta 2005 Rifiutato il diritto di voto facoltativo a livello comunale.
Vaud 2011
Rifiutata con il 69% dei voti l’iniziativa popolare «Vivere e votare qui» per l’introduzione del diritto elettorale attivo e passivo a livello cantonale.
  2002 Approvata la nuova Costituzione e quindi il diritto di voto a livello comunale.
Zurigo 2013 Rifiutata con il 75% dei voti l’iniziativa popolare «Per più democrazia» sul diritto di voto facoltativo per stranieri a livello comunale. 

vai a inizio pagina Ultimo aggiornamento 07.11.2016