CFM: un passo importante per l'accesso all'apprendistato ai giovani «sans-papiers»

La Commissione federale della migrazione (CFM) si felicita della proposta avanzata dal Consiglio federale, secondo la quale i giovani stranieri in situazione irregolare («sans-papiers») avranno in futuro la possibilità di svolgere un apprendistato. La proposta rispecchia sostanzialmente le raccomandazioni formulate dalla CFM alla fine del 2010 in materia di «sans-papiers».

Per offrire a questi giovani la possibilità di svolgere un apprendistato, l'Esecutivo ha presentato una modifica dell'ordinanza sull'ammissione, il soggiorno e l'attività lucrativa. La modifica inviata in consultazione il 2 marzo scorso prevede che i giovani provenienti da famiglie che soggiornano irregolarmente in Svizzera ricevano un permesso di dimora, rilasciato espressamente allo scopo di svolgere l'apprendistato, ma solo a condizione che abbiano frequentato per almeno cinque anni la scuola dell'obbligo in Svizzera e che siano ben integrati. I giovani interessati dovranno presentare la propria domanda immediatamente al termine della scuola dell'obbligo.

Questa misura di ordine pragmatico rappresenta una buona soluzione per i giovani cui non può essere attribuita la responsabilità per la loro situazione irregolare. Bloccare loro l'accesso all'apprendistato significherebbe relegarli ai margini della società e segnarli a vita, tanto in Svizzera quanto nel Paese d'origine dei genitori.

La proposta del Consiglio federale prevede inoltre che per i genitori e i fratelli e/o le sorelle del giovane in questione sia svolta, secondo il diritto vigente, una procedura a parte per i casi di rigore. La CFM aveva invece proposto che venisse rilasciato anche alla famiglia del giovane un permesso di dimora per la durata della formazione professionale.

Ultima modifica 05.03.2012

Inizio pagina

https://www.ekm.admin.ch/content/ekm/it/home/aktuell/news/2012/2012-03-05.html